AREE CONTAMINATE

Progettazione ed Esecuzione Indagini Ambientali su Terreni e Falde (‘PHASE 2’)

Quando si desidera caratterizzare un sito bisogna investigare il terreno e la falda sia tramite attività di campo, di tipo diretto o indiretto. L’indagine è necessaria nelle fasi di progettazione della maggior parte delle attività d’ingegneria e di sviluppo e gestione di risorse naturali, nonché per l’analisi di rischio.

P1040158Poiché l’acquisizione e l’interpretazione dei dati sono onerose e vincolate a incertezze elevate, definire le matrici ambientali per intero può essere difficile. D’altro canto le informazioni di buona qualità sono essenziali per costruire modelli concettuali corretti e modelli matematici credibili, ma vanno ottenute sempre garantendo il contenimento dei costi e dei tempi di organizzazione ed esecuzione.

La contaminazione dei terreni e delle falde spesso è originata da sorgenti complesse e interessa più di una fase, per esempio quando si è in presenza di liquidi in fase non acquosa (NAPL). Soprattutto in questi casi un’indagine e un campionamento appropriati che considerino la natura tridimensionale della sorgente sono essenziali per la comprensione del problema.

La corretta rappresentazione del modello concettuale del sito è fondamentale per progettare e sviluppare un’indagine su terreni e falde: fin dal principio il modello concettuale deve portare alla luce le incertezze tipiche del luogo e gli obiettivi dell’indagine. Lo staff di gram.mi usa e trasmette la propria esperienza per assicurare che sia applicata la migliore soluzione al minor costo ed ha una consistente storia di successi nella programmazione di indagini su terreni e falde.

Progettazione Bonifiche, MISE, MISP

Lo staff di gram.mi ha la capacità e l’esperienza di progettare e controllare la realizzazione di:

  • bonifiche e opere di messa in sicurezza di emergenza, di urgenza, permanenti
  • sistemi di prelievo e di restituzione alla falda o alla rete idrica superficiale, per barriere idrauliche (pump&treat), per sistemi di scambio termico, per lo smaltimento e/o controllo di acque meteoriche tramite pozzi dispersori (perdenti, bevitori, etc.) o con Sistemi Sostenibili di Drenaggio Urbano (SUDS), anche per superfici molto ampie
  • pozzi per abbassamento e controllo della falda (dewatering)
  • rimozione dell’umidità e delle infiltrazioni provenienti dal terreno.

L’elaborazione del Progetto Preliminare e, in seguito, del Progetto Operativo di Bonifica comporta la necessità di integrare capacità tecniche consolidate, controllo dei costi esecutivi, gestione dei rapporti con gli enti pubblici. L’esperienza nell’elaborazione di Progetti di Bonifica nasce prima dell’applicazione delle norme della Regione Lombardia del 1996, che furono le antesignane della regolamentazione delle procedure di risanamento ambientale per la dismissione delle aree di produzione.

Negli anni lo staff ha maturato la capacità di individuare soluzioni innovative anche attraverso la ricerca operativa applicativa, svolgendo anche attività di supporto nell’intermediazione di contenziosi.

Modelli di Flusso e di Trasporto di Contaminanti in Falda

Negli ultimi anni è diventato sempre più diffuso l’uso di strumenti previsionali per la simulazione del flusso idrico e per la modellazione del trasporto di contaminanti e di calore nel terreno saturo o insaturo. La modellistica idrogeologica ha assunto un ruolo primario nella pianificazione dell’utilizzo delle risorse idriche sotterranee, nella verifica di impatto ambientale, nella progettazione di opere idrauliche, nella valutazione di rischio di contaminazione della falda.

La realizzazione di un modello idrogeologico affidabile non può essere eseguita senza una adeguata e specifica preparazione capace di spaziare dalla geologia all’idrologia, dall’idraulica delle acque sotterranee e superficiali all’idrogeologia applicata e alla chimica fisica dei contaminanti, senza prescindere da una profonda conoscenza dei più diffusi codici di calcolo analitici o numerici.

Una articolata conoscenza delle tecniche statistiche, sia mono che multivariate, è di sicuro aiuto per l’analisi dei dati di base utili alla realizzazione dei modelli, che in genere rappresenta una delle fasi più difficili e critiche dell’intero lavoro di modellazione. Infine un buon modello matematico, per essere considerato affidabile in fase previsionale, deve subire un rigoroso processo di calibrazione e verifica che richiede competenze acquisibili solo con una specifica preparazione in materia e soprattutto con l’esperienza.

3D 2Nel corso degli anni abbiamo sviluppato una considerevole e completa esperienza nella modellazione del flusso e del trasporto di contaminanti sia nell’acquifero saturo che in quello insaturo, approfondendo il campo del trasporto di contaminanti, della loro speciazione in falda, del trasporto di calore, del flusso multifase e densità-dipendente. Il curriculum di gram.mi comprende ormai centinaia di modelli sia a scala di sito che a scala provinciale e regionale.

Analisi di Rischio Sanitario e Ambientale

La complessità delle condizioni e dei processi in atto in un sito limita la possibilità di definire pienamente il modo in cui avviene il trasporto di contaminanti nel sottosuolo e di fare previsioni sulle conseguenze a venire. Per queste ragioni l’approccio quantitativo basato sulla valutazione del rischio è molto adatto ogni qualvolta sia necessario prendere decisioni pratiche su casi di contaminazione o su altri generi d’impatto ambientale. Questi problemi sono d’importanza centrale nei progetti di normale realizzazione, servendosi di metodologie d’analisi ambientale improntate a identificare quali sono i parametri critici caso per caso.

SMW8 postazione 2La normativa e i controlli relativi alle problematiche di contaminazione hanno visto significativi aggiornamenti tecnici negli ultimi anni. Si tratta di approcci utili ad assicurare che le decisioni più efficaci economicamente siano prese in armonia con le esigenze di protezione ambientale. Questi approcci evolvono rapidamente per rispondere alla migliore comprensione del rischio ambientale, naturale e di origine antropica. La legislazione e gli standard di riferimento si sviluppano passo passo e perciò è necessario tenere alta l’attenzione sullo sviluppo tecnico e sulle politiche ambientali per assicurare che le soluzioni fornite ai Clienti siano coerenti con le migliori pratiche del momento e possano soddisfare anche possibili necessità future.

L’analisi e la gestione del rischio riguardano sistemi di percezione complessi relativi alla sfera politica e sociale, oltre che a quella strettamente tecnica, tanto che è importante mantenere uno stretto dialogo con tutte le parti che hanno interessi significativi nell’esito finale per assicurare la riuscita del progetto.

arIl nostro approccio tecnico all’analisi di rischio è pensato per soddisfare le normative vigenti. In questo processo lo staff collabora con le autorità pubbliche per sviluppare modelli concettuali e approcci destinati a comprendere e quantificare il livello di rischio ed a identificare le misure di mitigazione necessarie per individuare la miglior soluzione possibile